Il ‘vecchio’ con il nuovo. O, se preferisci, il ‘nuovo’ con il vecchio. In questo approfondimento, infatti, vedremo come collegare l’iPhone alla TV. Unendo, per l’appunto, uno strumento nato da decenni, come la televisione, con uno dei prodotti più innovativi presenti sul mercato: l’iPhone.

Ti spiegheremo tutte le modalità, sia con cavo che senza cavo. In un linguaggio semplice e chiaro, anche per chi, magari, non ne mastica molto di questo argomento. Proprio per far sì che tutti possano riuscire nel loro intento.

In questo modo potrai goderti le prestazioni del tuo smartphone al massimo, sfruttando la comodità di farlo direttamente dal televisore.

Goditi la lettura!

Come collegare l’iPhone alla TV con cavo

Cominciamo subito nello spiegarti come collegare l’iPhone alla TV con cavo. Ci sono due metodi, entrambi molto semplici. Si tratta, infatti, di utilizzare un cavo adattatore da Lightning a Digital AV oppure un cavo adattatore da Lightning a VGA.

Vediamo le differenze. Anche se in realtà sono molto poche.

Cavo adattatore da Lightning a Digital AV

Per collegare il tuo iPhone con questo metodo, non devi far altro che acquistare un apposito adattatore che si collega, appunto, alla porta Lightning.

Ricorda che, comunque, per avviare tutte le operazioni hai bisogno di un cavo HDMI: quest’ultimo supporta sia l’uscita video che audio. La sequenza con cui si muove il cavo è di tipo binario – zero e uno, quindi -, essendo una tecnologia digitale.

Non devi far altro che collegare la presa del tuo adattatore a quella dell’uscita HDMI. La tua televisione non ha l’uscita HDMI? Nessun problema: ti basta acquistare un cavo composito che include tutto.

Tramite questo adattatore, sul piccolo schermo potrai vedere tutto: dalle app alle presentazioni, passando per i siti web con una risoluzione fino a 1080 pixel HD.

Cavo adattatore da Lightning a VGA

Il procedimento che riguarda il cavo adattatore da Lightning a VGA è lo stesso della tecnologia Digital AV. Con una differenza: il VGA, essendo più vecchio, è di tipo analogico, quindi funziona a onde.

L’inconveniente? Potrebbe esserci un ‘doppio passaggio’ perché se colleghi il cavo con la TV (il procedimento è molto semplice, devi soltanto attaccarlo all’apposita uscita) a monitor LCD, il linguaggio viene prima convertito da digitale in analogico e, poi, attraverso il monitor, di nuovo da analogico a digitale. Perdendo un po’ di qualità.

Ma, comunque, in ogni caso, per quanto riguarda tutto il resto, potrai avere lo stesso risultato del Digital AV: infatti, puoi tranquillamente cedere dalla televisione le app, i siti web, le presentazioni (e tutto ciò che ne consegue) con una risoluzione massima di 1080 pixel HD.

Come collegare l’iPhone alla TV senza cavo

Non vuoi avere la scomodità del cavo? Sei una persona innovativa e puoi sfruttare davvero tutto ciò che l’innovazione ti mette a disposizione? Allora ecco i quattro metodi per collegare l’iPhone alla TV senza cavo.

Da un lato avrai la comodità di non avere fili ma, dall’altro, il processo di collegamento è leggermente più complesso. Abbiamo scritto “leggermente”, nulla di così difficile.

A patto, ovviamente, che segui alla lettera le nostre indicazioni!

Smart TV (DLNA)

È la soluzione più antica ma, come per tutte le cose un po’ datate, riesce, almeno all’inizio, a ‘resistere’. E, quindi, sarà il primo dei quattro metodi che spiegheremo.

In partica, il sistema DLNA funziona attraverso l’uso di un Wi-fi relativamente potente. Certo, l’incognita è avere una connessione sempre eccellente, altrimenti potresti trovare delle difficoltà.

Senza entrate troppo nel tecnico (dovremmo parlarti di server, clienti e loro ‘derivati’), ti basti sapere che dovrai installare un’app che collega i due dispositivi, iPhone e televisore, per far sì che il dispositivo riconosca il collegamento con lo smartphone.

Quali app? Ce ne sono diverse, come Plex e LocalCast.

Google Chromecast

Google Chromecast è una sorta di chiavetta USB o, per meglio dire, ha questa forma estetica. Così come per una classica pen drive, devi semplicemente collegarla alla porta HDMI della tua televisione.

Inoltre, per caricare Google Chromecast, c’è semplicemente bisogno di una uscita USB, ormai presente nelle TV più moderne. Smontiamo subito ogni dubbio: pur essendo un prodotto di Google, appunto, è perfettamente compatibile con tutti i modelli di iPhone.

Potrebbe succedere, però, che tu non riesca a trasmettere il contenuto dell’iPhone esattamente così com’è sul televisore (una piccola limitazione doveva pur esserci). Anche qui, scoperto il problema, trovata la soluzione.

Ti basta semplicemente scaricare un’app, come ‘Chromecast Streamer‘, che ti permette di avere, pari pari, la visualizzazione sincrona tra televisione ed iPhone.

Fire TV Stick

Il Fire TV Stick è simile a Google Chromecast ma con alcune differenze. Ad esempio, puoi collegarlo ad Alexa e farlo funzionare attraverso il comando vocale.

Prima di provare a effettuare il collegamento, due piccole avvertenze: il Wi-Fi a cui si appoggia il Fire TV Stick deve essere lo stesso della Smart TV e l’iPhone non deve essere distante oltre i 10 metri.

Ti basta cliccare semplicemente sul tasto ‘Duplicazione‘ del telecomando del Fire TV Stick, attendere qualche secondo e il gioco è fatto. Davvero molto, molto semplice.

AirPlay

AirPlay, forse, è il sistema migliore per collegare la TV all’iPhone. Soprattutto perché è una tecnologia nativa della Apple. E, ovviamente, porta con sé alcuni vantaggi.

Qualche esempio? Non hai bisogno di spazi di archiviazione e puoi disporre dell’assistenza Apple per qualsiasi problema. Gli step da seguire sono molto semplici.

Una volta collegati l’AirPlay, la Smart TV e l’iPhone alla stessa linea wi-fi, vai nell’apposita sezione ‘Airplay‘ direttamente dal suo iPhone. Qui, automaticamente, ti ritroverai il nome della tua televisione. Clicca sul nome della televisione. Basta, questi sono i procedimenti.

Semplice, vero?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui